NEWS (5)

16 febbraio 2021

Il prete romano Marcello Bordoni nacque il 27 gennaio 1930. Nel 1954 fu ordinato a San Giovanni in Laterano e nel 1965, poco dopo aver conseguito il dottorato di ricerca in teologia, incominciò a insegnare cristologia nella Pontificia università Lateranense, dove ha passato tutta la vita, concludendo la sua docenza nel 2000. Quattordici anni prima di lui, il 13 ottobre 1916, era nata Maria, la primogenita, sorella maggiore tra i sei fratelli, ai quali nel tempo dedicò premure materne. Dopo circa un secolo, il 6 marzo 2018, Papa Francesco ha autorizzato la Congregazione delle cause dei santi a promulgare il decreto circa le virtù eroiche di Maria Bordoni: da quel giorno è dichiarata venerabile.

Un professore e una venerabile. Si trattò di due vite comparate o di due vite parallele? La loro vicenda umana ed ecclesiale inevitabilmente induce a un impegno di raffronto, che grava su di noi con un pensiero docile alle parole della speculazione come alle elevatezze dell’indicibile. Due figli messi tra teologia e santità, non opposti, non concentrici, ma due vite compiute, due esistenze spiegate, aperte e chiare, due trasparenze affacciate su l’Oltre, due vele in dialogo d’attrazione con l’unico orizzonte. Oppure due vite riflesse? Alle domande fa specchio opportunamente un volume fresco di stampa che sembra volare alto, con felice leggera agilità, sulle pensosità ora mormorate, non dimenticandole, ma rendendone ragione con sicura evidenza anche nel titolo:Al centro il sacerdozio di Cristo. La spiritualità della Venerabile Maria Bordoni e i suoi riflessi nella teologia di Marcello Bordoni, Assisi, Cittadella Editrice, 2020, pagine 378, euro 23. L’autore è Nicola Ciola, docente di cristologia nella Pontificia università Lateranense, discepolo e successore del professore nella stessa cattedra.

L’intento programmatico del volume non è dei più semplici, posto com’è a collegare due vertici, non omologandoli, ma lasciando a ciascuno la sua acuta sovranità in campi limitrofi, di per sé irriducibili, eppure in perpetuo colloquio. Perché teologia e santità si parlano, qui anche con gli accenti della fraternità. Seguendo la guida del titolo scopriamo sacerdozio e spiritualità come un terreno di possibili reciproci incontri tra il professore e la venerabile. Ci si chiede inevitabilmente: il sacerdozio in teologia o il sacerdozio nella spiritualità? O nell’uno e nell’altra? Con quale tipo di relazione? Un rapporto di semplici riflessi come tra due distanze, come la voce e la sua eco, come la luna nel pozzo? La venerabile, con la sensibilità ascetica del suo tempo, coglie fin da subito, sul piano esistenziale, nella sua esperienza mistica e nella sua vita quotidiana di battezzata, l’intimo legame tra il sacerdozio di Cristo e il suo sacrificio per amore. Avverte che questa è la sua vocazione dichiarata: «Offrire e tacere, soffrire con gioia tutto fino alla fine per il bene delle anime e per aiutare il sacerdozio». Nella Bordoni si adempiva anche quella vita spirituale oggi denominata come mistica del quotidiano.

Il programma che prevede soffrire e tacere, soffrire e sorridere, soffrire e gioire porta a non appartenersi più, come vittima inchiodata insieme al Cristo sulla croce, in una esperienza di immedesimazione, per obbedienza al Padre e per amore delle anime. Si nota qui che il binomio sofferenza-offerta è inteso chiaramente come atto d’amore. Nella spiritualità di Maria Bordoni proprio questa dimensione agapica si afferma come motivazione dell’offerta di se stessa, apportando un significato nuovo al linguaggio vittimale. Occorre allora parlare per la Bordoni non di spiritualità vittimale, bensì di spiritualità oblativa, poiché la partecipazione al sacerdozio di Cristo consiste nel ricevere il suo stesso desiderio di amore nell’offerta totale di sé. Certamente ciò che la venerabile ha vissuto, fin nella sua carne, cioè l’ideale sacerdotale del dono di se stessa per associarsi al mistero della redenzione del Figlio di Dio, di fatto è ben interpretato dal fratello teologo. Si potrebbe dire perciò che nelle pagine dello studioso lateranense è presente tutto il significato della spiritualità sacerdotale della venerabile, la quale ha saputo intuire misticamente la motivazione della sofferenza di Gesù crocifisso nell’amore di Dio che sa cambiare il dolore in amore. Il suo stile di vita, incarnato in un’esperienza di eccezionale carità, è stato elevato dal fratello a tema teologico.

Al culmine dell’itinerario d’immedesimazione al sacrificio della croce, Maria Bordoni trova il compimento del suo carisma nell’immagine di Maria, madre del Crocifisso. Qui c’è originalità, che consiste nel portare decisamente il suo sguardo su Maria Vergine dentro il mistero di Cristo, nell’averla colta come Colei che è tutta di Cristo, nella docilità allo Spirito. La Bordoni contempla in vita la singolare unione sacerdotale della Madre di Dio con il Verbo incarnato. Ella va associata alle figure mistiche moderne che hanno declinato al femminile i doni di grazia ricevuti. Suo fratello non esclude la mistica dalla sua speculazione teologica, quando afferma in alcuni passi della sua poderosa opera cristologica: «In uno stesso Spirito si compie la mistica identità tra Cristo e la Chiesa, identità nella comunione di vita» (Gesù di Nazaret Signore e Cristo, II , pagina 470), esemplificando poi: «La nascita mistica della Chiesa è impersonata nella Donna Maria, la madre di Gesù» (ibidem, III , pagina 140). La nostra venerabile si è configurata marianamente perdendosi e ritrovandosi membro di Gesù Cristo sacerdote e vittima.

Nell’orizzonte della mistica nella Chiesa sorgono distintamente due individualità che si fatica a trascurare in questo discorso. Sorprende per circostanze esterne e soprattutto per caratteri spirituali un’affinità nettissima tra Maria Bordoni e la serva di Dio Luigina Sinapi. Ambedue laiche nate nell’autunno del 1916 (13 ottobre e 8 settembre), l’una e l’altra morte nella primavera del 1978 (16 gennaio e 17 aprile). Come Maria anche Luigina ebbe doni mistici fin da bambina, da giovane fu guarita da una malattia mortale, scelse come programma di vita “soffrire e offrire”, si offrì vittima per i sacerdoti, nutrì un’intensa devozione a Maria, la “Mamma celeste”. Quasi si impone spontaneamente il sogno di vedere insieme queste due creature romane nel cielo dei beati. Altra affinità addirittura nelle espressioni verbali si riscontra tra Maria Bordoni e sant’Angela da Foligno, come è notato anche nel volume (pagina 80). Valgano come esempio i passi della comunione dei cuori. Angela scrive: «E andavo pensando che il mio cuore sarebbe entrato nel cuore di Dio e il cuore di Dio nel mio». Fa eco Maria: «Una volta Gesù, molto tempo fa, me lo disse che mi avrebbe portato via il cuore per darmi il Suo».

Maria Bordoni ha coltivato una messe di relazioni e impegni, ma tutto ha compiuto in seno alla Chiesa, in vista dell’ascesi personale, della carità espressa anche nella fondazione di un istituto, immersa da laica nella concretezza della vita cristiana concepita come partecipazione al sacerdozio di Cristo riflesso nell’oblatività dell’agape. Il concilio Vaticano II trova così un felice anticipo nella condotta esemplare di questa donna vissuta nel mondo, dotata di doni mistici e superdotata di immedesimazione con Cristo pontefice della Nuova Alleanza.

Si rischia di mortificare il volume così denso, facendo necessariamente ricorso a queste poche note iniziali, che potranno servire da stimolo alla lettura integrale. In esso comunque si ammirano due primati con la pubblicazione di due inediti: la relazione del fratello don Marcello per la positio nella causa di beatificazione e il sorprendente epistolario della sua corrispondenza, nientedimeno, con quell’altro prete romano che fu don Giuseppe De Luca. L’epistolario pubblicato, per la prima volta per intero, rimane un documento eccezionale a testimonianza di come un’amicizia spirituale tra due persone di età diverse abbia concorso a un servizio ecclesiale di prima grandezza, il primo nel mondo della cultura, la seconda nella carità operosa verso chi non pensava di poter essere amato. E così il De Luca che bussava alla porta della casa degli orfani dell’Opera Mater Dei di Castel Gandolfo si faceva discepolo della Bordoni; in quella creatura ritrovava un punto di riferimento per la sua vocazione sacerdotale.

La fraternità immersa tra teologia, mistica e santità fornisce un ultimo accento. Il professore Marcello Bordoni ha reso una testimonianza imponente circa la santità della sorella e i fondamenti teologici della sua spiritualità. Ma il suo scritto si ferma di fronte al mistero: don Marcello solo dopo la morte della sorella ha conosciuto i suoi doni mistici e il suo travaglio interiore. Le due vele, prima riflesse, ora sono fuse in unica trasparenza nello splendore della verità e della santità di Dio.

di Fortunato Frezza

Per un disegno provvidenziale e con la protezione della Madre di Dio, le Sorelle della congregazione dell’Opera Mater Dei fondata in Italia nel 1948, arrivarono a Loja – Ecuador, il 2 di aprile del 1981, su invito di Mons. ALBERTO ZAMBRANO PALACIOS vescovo di LOJA.

Poi nell’anno 1986 in un terreno donato da una benefattrice in zona periferica della città iniziarono il lavoro educativo dall’asilo con 14 bambini; e attualmente sono circa 1600 alunni, dai tre anni ai 17 anni e frequentano: la scuola materna, la scuola elementare, la scuola media e superiore.

STORIA DELLE VARIE FASI DELLA COSTRUZIONE

BLOCCO 1 ‘’NUESTRA SEÑORA DEL PILAR’’ :

COSTRUITO: 2014 - 2016

blocchi cpon sfondo mattoni 

CONTROPARTI (SOSTENITORI COLLABORATORI):

  • MUNICIPIO DI LOJA: il municipio prestò le macchine necessarie per il movimento di terra, cambio del terreno, scavazione e preparazione delle fondamenta ecc. in ognuno dei tre blocchi.
  • MUNICIPIO DI BOLZANO: il municipio de Bolzano partecipò economicamente con vari rimborsi di lavori, previamente giustificati con le rispettive rendicontazioni periodiche.
  • BENEFATTORI: con il loro contributo economico
  • COMUNITA’ MATER DEI: collabora con un aiuto economico della Casa Centrale e quello locale: con il valore del terreno, e il contributo volontario del personale tecnico e amministrativo del progetto.

PADRI DI FAMIGLIA: l’impegno e appoggio dei genitori degli alunni si riflette nel lavoro volontario denominato ’’MINGA’’ (la minga, strumento di solidarietà, lavoro comunitario, che è alla base della gestione dei servizi e degli strumenti fondamentali per il raggiungimento del sumak kawsay <parola kichwa tradotta in spagnolo con “buen vivir”>, ovvero per un’idea di società che sia inclusiva, solidale e rispettosa dell’ecosistema).

blocco 1

BLOCCO 2: ‘’MATER DEI’’ COSTRUITO TRA IL 1984 – 1985

È l’edificio più antico: i primi due piani nel 1984-1985 e poi nel 2003 con la costruzione del terzo piano che fu costruito con i seguenti aiuti:

  1. ADVENIAT: organizzazione tedesca che aiuta seminari e comunità religiose e per questo progetto di due piani ha contribuito per un 75%.
  2. FAMIGLIA GIULIANO ZANONI: in memoria di una sua zia docente
  3. FAMIGLIA GINO SARTORE: con un contributo molto generoso
  4. COMUNITÀ MATER DEI: contributo economico proveniente dalla casa centrale e locale con il personale tecnico e operativo.
  5. PADRI DI FAMIGLIA. l’impegno e l’appoggio dei genitori degli alunni si riflette nel lavoro volontario denominato ’’minga’’.

BLOCCO 3 ‘’LICIA BRION , MICHELE STRAMANDINOLI’’ - COSTRUITO TRA IL 2005 - 2007

 

  1. MUNICIPIO DI LOJA: il municipio prestò le macchine necessarie per il movimento di terra, cambio del terreno, scavazione e preparazione delle fondamenta ecc., e preparazione dei fondamenti ecc.
  2. MUNICIPIO DI BOLZANO: il municipio di Bolzano ha una partecipazione economica del 75%. I rimborsi si effettuano periodicamente, previa consegna di rendicontazione e invio di fotografie e fatture.
  3. BENEFATTORI: con una buona partecipazione economica
  4. FAMIGLIA SARTORE GINO: con un contributo generoso
  5. COMUNITÁ MATER DEI: con un con apporto che proviene dalla casa centrale e locale con l’aiuto del personale della direzione tecnica e amministrativa.
  6. PADRI DI FAMIGLIA: l’impegno e appoggio dei genitori degli alunni si riflette nell’organizzare la ’’minga’’.

SALONE GRANDE DI USO ‘’MULTIPLE’’: 2010 -2011

 

  1. MUNICIPIO DI LOJA: il municipio prestò le macchine necessarie per il movimento di terra, cambio del terreno, scavazione e preparazione delle fondamenta ecc.
  2. MUNICIPIO DI BOLZANO: il municipio di Bolzano con una partecipazione economica del 40%, con il rimborso dopo ogni consegna di rendicontazione, documenti vari, fatture e foto.
  3. FIE (FONDO ITALO-ECUATORIANO): con un apporto del 75% che proviene dal cambio di debito esteriore fra Ecuador e Italia.
  4. PADRI DI FAMIGLIA: appoggiano organizzando la ’’minga’’.

 

BLOCCO N. 4 IN COSTRUZIONE

 

 Iniziato con il cambio del terreno, scavazione e riposizione del terreno, nel 20016. Abbiamo urgente necessità di nuove aule per la continua richiesta di iscrizione di alunni e per completare l’ultimo anno di educazione superiore e i laboratori necessari di chimica, fisica, biologia e inglese.

Per questo nuovo blocco di 8 aule fino a ora abbiamo solamente con un appoggio minimo del municipio per il cambio del sindaco e non l’aiuto del municipio di Bolzano’, anche per il cambio di amministrazione ecc..

CONTROPARTI:

  1. BENEFATTORI (AMICI DI ITALIA): per ora non abbiamo partecipazione economica
  2. COMUNITÀ MATER DEI: per ora non abbiamo con un contributo dalla casa centrale, localmente facciamo cento sul lavoro delle Sorelle, del personale tecnico e direttivo che presta assistenza e direzione.
  3. PADRI DI FAMIGLIA: l’appoggio di ogni famiglia per poter completare il ciclo di studio dei loro figli.

Per questa ragione stiamo bussando a tante porte per poter continuare il lavoro iniziato: stiamo al primo piano, dopo aver già realizzato la gettata delle fondamenta e della gettata del primo piano e procediamo con le attività di autofinanziamento che via via organizziamo.

La nostra scuola è al servizio degli alunni della classe più bisognosa di Loja, piccola città di frontiera con il Perù. La scuola è ubicata nella periferia sud occidentale della città, in un settore che si è andato super popolando in questi ultimi anni. il nostro centro educativo gode di un buon prestigio per la qualità educativa, per i valori umani e cristiani che cerchiamo di inculcare nella gioventù che si sta formando.

Dio benedica abbondantemente quanti ci possono dare una mano per questo alto e nobile impegno dell’educazione.

 

Sorella Maria Luisa Sartore

Rappresentante Legale e Direttrice

dell’Unità Educativa “Mater Dei”

LOJA-ECUADOR

DONA ORA

Coordinate Bancarie:

Banca: Produbanco

Conto corrente:  02125004016

SWIFT: PRODECEQ

 Indirizzo: Avenida de los Paltas y Avenida Manuel Benjamín Carrion 

CAP 110102 Loja
Telf. +593 7-211-0237 

Il 6 marzo 2018, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in udienza Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Angelo Amato, S.D.B., Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Durante l’Udienza, il Sommo Pontefice ha autorizzato la Congregazione a promulgare il Decreto riguardante:

le virtù eroiche della Serva di Dio Maria Antonella Bordoni, Laica, del Terz’Ordine di San Domenico, Fondatrice della Fraternità Laica delle Piccole Figlie della Madre di Dio ora Piccole Figlie della Madre di Dio; nata il 13 ottobre 1916 ad Arezzo (Italia) e morta a Castel Gandolfo (Italia) il 16 gennaio 1978.


 pdf icon greenScarica il pdf del decreto


Consulta il sito:

Promulgazione di Decreti della Congregazione delle Cause dei Santi, 07.03.2018


 

PARROCCHIA S. EUSEBIO E - OPERA MATER DEI 2017-2018 e GRUPPO L’IMMACOLATA

Incontro all’altare dell’Addolorata

Si è pensato di approfondire insieme la conoscenza dei luoghi della Terrasanta attraverso una serie di incontri che si svolgeranno il primo sabato del mese in parrocchia a S. Eusebio, aperti a coloro che desiderano partecipare a un pellegrinaggio in Terrasanta e anche a chi pur non potendo o essendoci già stato, desidera insieme comprendere l’importanza di quei luoghi per l’approfondimento della nostra vita cristiana e in particolare del carisma della Mater Dei e dei carismi ai quali apparteniamo.

I temi degli incontri che si terranno con inizio alle ore 17 puntuali, saranno:

  • Sabato 4 novembre – Nazareth e la Galilea –
  • Nazareth- l’Incarnazione Incontro con don Giuseppe Di Virgilio. Docente di esegesi del Nuovo Testamento alla Pontificia Università della Santa Croce  ore 17.00
  • Sabato 2 dicembre – Gerusalemme la città di Davide – Relatore: don Pasquale Magagnini, Parroco della chiesa di S.Vito, e guida dell’ORP, ci offrirà una sua riflessione sulla storia di Gerusalemme prima dell’evento di Cristo.
  • Sabato 3 febbraio – Betlemme, la nascita di Gesù – Relatore: Mons. Nicola Ciola
  • Sabato 3 marzo – Passione e morte di Gesù in croce – Relatore:
  • Sabato 7 aprile – Gesù Risorto – Relatore:
  • Sabato 5 maggio – La discesa dello Spirito Santo – Relatore

Si celebrerà il 13 ottobre 2016 il centenario della nascita della Serva di Dio Maria Bordoni, fondatrice dell’Opera Mater Dei: “anima sacerdotale” che ha fatto della sua esistenza quotidiana un’offerta continua di lode a Dio e di collaborazione per la salvezza dei fratelli.

Maria Bordoni quale anima sacerdotale è vissuta in una comunione intima con Gesù Sacerdote nella vita passo dopo passo della sua giornata: nel servizio continuo ai fratelli innanzitutto i più deboli, i più vulnerabili. Tutta la sua vita di anima sacerdotale è incentrata nella santa Messa centro della sua vita interiore e l’affidamento fiducioso nella Madre di Dio “anima sacerdotale” per eccellenza ai piedi della Croce.

Puoi contribuire anche tu ai nostri progetti facendo una donazione.

Un piccolo gesto per un aiuto concreto

Dona ora

  • pubblicazione canale video
  • gallery area riservata

tasto newsletter

Top
L'utilizzo dei cookie concorre al buon funzionamento di questo sito. L'accesso ai contenuti del sito e l'utilizzo dei servizi implica accettazione dell'utilizzo dei cookie. Maggiori dettagli…