Sant'Eusebio all'Esquilino - Roma

08 March 2018
(0 votes)

L’OPERA MATER DEI A SANT’EUSEBIO

Quest’anno (2017-2018) a Sant’Eusebio abbiamo vissuto un passo significativo della crescita del rapporto fra la comunità parrocchiale e l’Opera Mater Dei attraverso l’invito ad essere presenti nella catechesi di due amiche dell’Opera: Grimaneza e Emperatriz. Questa decisione è maturata in me innanzitutto dalle celebrazioni del centenario della nascita di Maria Bordoni, iniziate proprio a S. Eusebio con la S. Messa di apertura e poi proseguite con gli appuntamenti a cui ho potuto partecipare in due occasioni.

Fin dall’inizio della mia presenza di parroco a S. Eusebio, ho avuto occasione di accogliere l’Opera il primo sabato del mese all’Altare dell’Addolorata per la recita del S.Rosario e la lettura di alcuni brani del diario di Maria o di alcuni interventi del padre, Mons. Dottarelli. Nell’attualità quest’incontro si lo fa insieme ai fedeli della Comunità parrocchiale, perché si trattano temi di spiritualità che aiutano nella crescita personale e comunitaria. Si continua con la recita del Rosario e la partecipazione alla S. Messa all’altare dell’Addolorata. Del resto avevo già in precedenza avuto occasione di conoscere questa esperienza e la fedeltà a questo gesto aveva suscitato in me innanzitutto il desiderio di conoscere più profondamente la vita di questi fondatori dell’Opera, della loro storia e della loro presenza a S. Eusebio.

Man mano che gli anni passavano e la conoscenza si esprimeva in tanti gesti e momenti vissuti insieme, l’occasione del centenario mi ha sollecitato a prendere un’iniziativa che ritengo importante per la storia di questa parrocchia, che è quella di iniziare una collaborazione stabile con alcune persone dell’Opera. Questo sia perché la storia iniziata è iniziata a S. Eusebio, sia perché una delle caratteristiche dell’Opera è di essere presente accanto al Parroco nella vita parrocchiale. In qualche modo quindi possiamo dire che il frutto del centenario è stata la decisione condivisa di una partecipazione fattiva alla vita parrocchiale a partire dal semplice gesto della catechesi. Infatti adesso attraverso Grimaneza e Emperatriz l’Opera è presente nella Messa domenicale oltre che nella catechesi dei bambini.: Grimaneza con i bambini più piccoli all’inizio del loro cammino di avvicinamento al Sacramento dell’Eucarestia, e Emperatriz con quelli di quinta elementare nell’anno immediatamente successivo alla prima comunione.

Sono grato della disponibilità dimostratami dall’Opera, della presenza viva, discreta ma particolarmente significativa nel cammino di educazione alla fede di questi ragazzi e delle loro famiglie.

Il parroco della Parrocchia s. Eusebio d. Sandro Bonicalzi

PARROCCHIA S. EUSEBIO E L’OPERA MATER DEI

 

L'OPERA MATER DEI ACCOGLIE E FAMIGLIE DI SAN EUSEBIO IN PELLEGRINAGGIO ALLA TOMBA DEI FONDATORI DELL'OPERA MATER DEI: DOMENICO COTTARELLI E LA VENERABILE MARIA BORDONI

familia s. eusebio

 

Domenica 15 aprile insieme ad alcune famiglie della parrocchia abbiamo trascorso una giornata a Castel Gandolfo, presso “l’Opera Mater Dei” fondata da Maria Bordoni. Accompagnati dalla testimonianza delle Suore dell’opera abbiamo visitato la “Casa Famiglia” dove vengono accolte mamme che nel loro cammino in salita, a volte in totale abbandono, con dei figli in arrivo, hanno trovato   una casa dove essere accolte e abbracciate. Insieme ai loro figli i nostri bambini hanno giocato, toccando con spontaneità e semplicità la realtà di questi “piccoli fratelli”, un po’ meno fortunati, regalando loro un pomeriggio un po’ rumoroso ma caloroso.

La scelta di visitare questo luogo non è stata casuale, Maria Bordoni ha trascorso la sua giovinezza nella nostra parrocchia, dove insieme ad altre giovani, si dedicò ad un’opera per raccogliere i ragazzi poveri ed abbandonati del quartiere, l’Opera si chiamò “Mater Dei” per il suo profondo indirizzo Mariano.

Amare Cristo, fin dalla giovane età, in queste due parole c’è tutto il programma della sua vita, una vita vissuta nella contemplazione del “volto di Cristo crocifisso” abbandonata alla guida materna della Madre di Dio che incontrava il primo sabato del mese presso l’altare dell’Addolorata della nostra parrocchia.

Da questo altare, luogo di preghiera privilegiato da Maria Bordoni, è iniziata la giornata delle famiglie proprio per meglio conoscere la sua vita trascorsa e vissuta nella più grande normalità e semplicità, tra gioie e dolori, disagi e coraggio: una vita protesa verso il Cielo ma curvata sulla Terra nell’aiuto dei fratelli.

Questo avvicinarci alla vita di Maria Bordoni è stato per le famiglie un motivo di riflessione e guida nel cammino di fede e incontro con Gesù, sapere che Sant’Eusebio ha avuto il grande dono di una parrocchiana protesa alla Santità, infonde forza e coraggio a ciascuno di noi, convincendoci, come ci ricorda anche Papa Francesco nella sua ultima esortazione, che “Tutti siamo chiamati ad essere Santi”. Rispondere alla chiamata di Dio alla santità non è esclusiva di qualcuno ma è un dono per tutti noi, ognuno vivendo con amore e offrendo la propria testimonianza nelle occupazioni di ogni giorno, lì dove siamo chiamati ad essere, proprio come Maria Bordoni “La Mamma”, come la chiamano le Sorelle della Mater Dei, che nella sua ordinaria vita ha saputo mettersi al servizio di Dio attraverso le opere di carità compiute verso i più bisognosi, ed è con questo esempio, attraverso le testimonianze che abbiamo ascoltato da alcuni di noi presenti alla giornata che il nostro cuore si è arricchito, prendendo sempre più consapevolezza che l’incontro con Gesù trova la sua pienezza nella donazione all’altro, come Lui si è donato a noi per Amore.

È stata una bella giornata trascorsa insieme, al termine della quale, le Suore ci hanno donato un libricino che raccoglie un pensiero per ogni giorno dell’anno, piccole perle di saggezze scritte da Maria Bordoni che era solita regalare per essere luce nei momenti della giornata. Leggendo la meditazione del 15 aprile ci accorgiamo che “La mamma” ha avuto un pensiero anche per noi: “Noi dobbiamo arrivare ad essere una famiglia modello, una famiglia, cioè, dove ognuno è pronto al sacrificio per i propri fratelli e dove c’è anche tanto nascondimento.

IMG 3545

Buon cammino di Santità a tutti.

Gabriella e Vittorio

Coppia di collaboratori laici

Della Parrocchia S. Eusebio all’Esquilino -RM


 

Lascia il tuo commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Top
L'utilizzo dei cookie concorre al buon funzionamento di questo sito. L'accesso ai contenuti del sito e l'utilizzo dei servizi implica accettazione dell'utilizzo dei cookie. Maggiori dettagli…