Volontariato

10 Luglio 2018
(0 Voti)

CHE COS'È IL VOLONTARIATO NELL’OPERA MATER DEI?

“L’amore di Dio non verrà mai meno nella nostra vita e nella storia del mondo. E’ un amore che rimane sempre giovane, attivo, dinamico e attrae a sé in maniera incomparabile. Tra le realtà più preziose della Chiesa ci siete proprio voi che ogni giorno, spesso nel silenzio e nel nascondimento, date forma e visibilità alla misericordia. Voi siete artigiani di misericordia: con le vostre mani, con i vostri occhi, con il vostro ascolto, con la vostra vicinanza, con le vostre carezze… artigiani! Voi esprimete il desiderio tra i più belli nel cuore dell’uomo, quello di far sentire amata una persona che soffre. Nelle diverse condizioni del bisogno e delle necessità di tante persone, la vostra presenza è la mano tesa di Cristo che raggiunge tutti. Voi siete la mano tesa di Cristo”

(Giubileo straordinario della misericordia discorso del Santo Padre Francesco ai partecipanti al giubileo degli operatori di misericordia piazza san Pietro sabato, 3 settembre 2016)


Il volontario non è colui che dedica agli altri il proprio “tempo libero” ma che per gli altri “libera” il suo tempo
.

La motivazione fondamentale di un volontario cristiano è Dio come causa esemplare: “Siate misericordiosi come misericordioso è il vostro Padre celeste” (Luca 6, 36). Perché nella Chiesa siamo un solo corpo con Gesù Cristo (1Cor.12: il corpo e le membra; Gv.1515,1-11: la vite e i tralci). Non è più quindi questione di filantropia e di umanitarismo a muovere la coscienza, ma una risposta alla parola che ci appella: “Rispondendo, il re dirà loro: In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me”.(Matteo 25, 31-40)


Criteri per un volontario nell’Opera Mater Dei

Alla luce della Parola: si sono dati loro stessi al Signore” (2 Co 8:5).

Il nostro motto: “Farò le più piccole cose con grande amore”

- la novità e la gioia del messaggio nell’Opera Mater Dei sono racchiuse nelle azioni mosse dall’Amore e se c’è l’amore si dimostra con le opere, caratterizzate da: amabilità, dolcezza, carità e serenità.

- la disponibilità al servizio: La prima cosa necessaria è la carità, ma la carità senza il rinnegamento di noi stessi, che cos'è? Si richiede questo rinnegamento, perché se noi manteniamo la nostra volontà, il nostro modo di fare, non facciamo il volere di Dio.

- la ricerca e la cura dell’altro che è in difficoltà: lui è parte della mia vita, e ci deve essere nell'anima tanta umiltà, tanta docilità e tanta carità. Chi è umile è obbediente, è docile, è caritatevole.

- Riconoscere che l’altro è Gesù stesso. Incontrando e soccorrendo chi è in situazioni di disagio, incontriamo Gesù Cristo e Lui in persona aiutiamo.

- Nel Battesimo formiamo un unico corpo con Gesù di cui Lui è la testa e noi le membra e (il Cristo totale), ci fa diventare costruttori della salvezza per noi e per gli altri;

- Lavoro e vita spirituale sono inscindibili, perciò mettiamo in tutto tanta carità (tanto cuore), riuscendo a vedere l'unione delle azioni, delle opere, del lavoro nostro al Sacrificio di Gesù, saremmo dei poveretti se non sapessimo apprezzare il Santo Sacrificio: la Santa Messa, dove Cristo stesso si immola per tutti; così il volontario dopo la Messa con Cristo e in Cristo dona se stesso ai fratelli.


Per chi è interessato può scrivere a:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

Lascia il tuo commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Puoi contribuire anche tu ai nostri progetti facendo una donazione.

Un piccolo gesto per un aiuto concreto

Dona ora

  • pubblicazione canale video
  • gallery area riservata

tasto newsletter

Top
L'utilizzo dei cookie concorre al buon funzionamento di questo sito. L'accesso ai contenuti del sito e l'utilizzo dei servizi implica accettazione dell'utilizzo dei cookie. Maggiori dettagli…